IL PRESTIGIATORE

sento fra le dita
un momento da addomesticare,
leggero fruscìo di carte da gioco
mostrate al pubblico
nella veste migliore,
maschere sorridenti e opulente
di re di cuori,
il buio del palco
complice del prestigio,
cela il dorso
con la faccia
di jolly malefico,
la destrezza delle mani
non lascia rallentare il pensiero,
così,
mago e istrione,
faccio piovere
sorrisi e stupori,
preparo con arte
il cilindro nero
dove colombe bianche
voleranno
e daranno chiarezza
a tutti i cieli di nuvole…

(bruno)

Annunci

Informazioni su iviaggidibruno

https://viaggioacuore.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Poesie e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

3 risposte a

  1. poetyca ha detto:

    I sogni nelle tasche

    Si, mi chiamavano giocoliere
    ma non truccavo mai le carte
    era solo un sorriso
    che specchiava la luna
    sulle onde del lago
    e poi…
    era la festa dei sogni
    appesi al filo
    per solleticare il cielo
    oltre le ombre
    di una realtà che schiaccia

    Mi chiamavano vita
    e toccava a sorte
    un colore o un ombra
    per tingere il cuore
    nella scelta di inganni
    o giganti paure
    ma era tutto reale
    era tutto attimo
    che solcava l’anima
    nella costruzione di giorni
    da raccogliere lenti
    per nutrire la ragione e la fantasia
    per raccontare ancora
    di storie e di favole
    che non fossero amare
    per stracciare prigioni
    che troncano le ali
    a chi sa volare oltre i confini

    Mi chiamavano sorriso
    dietro le dune del silenzio
    per essere nuvola
    trasportata dal vento
    per essere gioia che si dona
    senza mai nulla chiedere
    e ora è solo attimo
    è solo ascolto
    di fuggevoli voci
    che mi chiamano
    oltre le cortine del nulla
    persone confuse
    che non sanno più cercare
    quel che prezioso s’innalza
    oltre le barriere
    di un cuore sconfitto
    che non vuole più lottare

    Chiamami
    se ti ricordi chiamami
    e sarò capace ancora
    di strisciare sui muri
    di scacciare ogni ombra
    sarò ancora attimo senza tempo
    illuminerò un sogno
    e tutti i ricordi sopiti
    dentro la voglia di tacere

    17.10.2004 Poetyca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...