IL SARTO

Ho cercato un sarto capace.
Volevo rifare l’orlo ai miei sogni.
Alcuni
scelti di taglia striminzita
mi scoprivano le caviglie
da lì
arrivava il freddo dell’aridità.
Altri
di taglia esagerata
mi costringevano a raccattare
tutte le briciole di cuore
perse nell’asfalto.
Avrei voluto
guardarmi allo specchio
e vedere che tutto cadesse bene
piega e misure giuste.
Non calcolavo
la puntura degli spilli
e quanto fosse lungo
il filo per suturare.
Vorrei restare così
metà uomo
metà clown.
Mai sempre triste
mai sempre buono.

(bruno)

Annunci

Informazioni su iviaggidibruno

https://viaggioacuore.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Poesie e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a

  1. poetyca ha detto:

    Senza lancette

    Negli sguardi sornioni
    di gente che cerca di capire
    passi di danza e parole
    perchè i sogni
    non hanno misura
    ma sono capriole del cuore
    che rincorrono momenti
    e non hanno stagione
    dove si sono perdute
    le lancette del tempo

    28.02.2011 Poetyca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...