Ad ogni viaggio un respiro che permetta di segnare un itinerario del Cuore, ogni momento è importante per condividere questi attimi preziosi ed offrirli con gioia.






Pubblicato in Poesie | Contrassegnato

IL FOGLIO DEI GIORNI

Voglio trascinare qui

la traccia sfumata dei giorni.

Che i sorrisi perduti

si facciano concreto inchiostro

e scrivano pure righe tristi.

L’interlinea, anche se bianca

sarà il contraltare colorato.

Voglio che la pagina

diventi il lavoro grafico dell’emozione

e che le proporzioni sfasate

trasformino bianche e neri

in altalena senza fiato.

Voglio che

quando il foglio verrà ripiegato

i suoi bordi intatti

facciano pensare ad un racconto

celato

e vergine di storia.

Pubblicato in Poesie | Contrassegnato | 1 commento

MI BASTA CHE DOMANI TU SIA IL MIO GIORNO

Mi basta che domani

tu sia il mio giorno.

Non potrei usare la matrice del tuo sogno

come un falsario di realtà.

Vorrò trovarti li

bella come il mattino,

colmare le tue braccia

di fiori raccolti a notte.

Farò una corsa sui tetti

randagio e smarrito

per cercare la strada dove sarai.

L’abbraccio di quei fiori

luccicanti di rugiada

si farà chiarore

per trovare il tuo passo.

E se la notte sembrerà lunga

saccheggerò le stelle

che restino senza casa.

Così il timbro del nuovo giorno

nascerà con lo sparo della tua luce.

Pubblicato in Poesie | Contrassegnato | 1 commento

SPECCHI

Cerco specchi

dove lasciare affondare la mia anima,

che siano ingialliti dal tempo

oppure abilmente decorati,

senza alcuna traccia degli anni.

Ho voglia di riflettere la mia figura

senza distorsioni,

come immagine nitida

dove lo sguardo possa cadere pesante

e non come passaggio furtivo

per ravviare i capelli.

Specchi che dovranno farsi concavi

per  ricevere i miei pensieri

e convergere per restituirmi l’ascolto.

Pubblicato in Poesie | Contrassegnato | 1 commento

L’ECO DELLA TUA CAREZZA

Adesso si,
adesso finalmente ho scoperto
le parole che raccontano
l’eco della tua carezza.
Ho dovuto attendere,
camminare solo
tra la gente che non mi vede,
incrociare il sentiero della solitudine
e temere il gelo della morte.
Ho dovuto sfogliare
le mille pagine dei tuoi sorrisi
e sentire l’abbraccio freddo
del tempo che scorre senza te.
Ho dovuto ascoltare
il verso di una poesia
senza il cordone ombelicale
della tua anima.
Raccogliere in uno sguardo
i rami secchi dell’inverno,
scacciare le paure della notte,
e raccogliere briciole di stelle
spente senza te.
Sentire la pelle che brucia
come mille soli sull’arida terra
e guardare strade
dove vorrei incontrarti.
Fanali smorti
che incrociano la stanchezza dei miei passi
e acque nere di un fiume che parlano
della fine.
Misurare il fiato
che vorrebbe parlare dell’angoscia
mentre arrampica le energie dell’ultimo sogno.
Stringere con forza
l’ultimo appiglio per raggiungere la tua mano.
E cercare ancora
quella carezza.

Pubblicato in Poesie | Contrassegnato | 1 commento

DONNA COME TERRA

Donna come terra
scoperta stupita
che affiora come sangue nuovo.
Zolle fradice di pioggia
che il sole indurisce.
Forti dovranno essere
le mani chiamate a plasmarle
e ad essere plasmate.
Potranno ferirsi, sanguinare
del sangue nuovo che alimenta il cuore.
L’occhio guarderà
luci di stagioni impazzite e nuove.
Sudore e lavoro faticati insieme.
Semi piantati quando la terra potrà ricevere.
Piacere di profumo da ascoltare.
Fiore da raccogliere
seguendo un canto
che parla di vita spesa
di voce insieme
di senso totale.

Pubblicato in Poesie | Contrassegnato | 1 commento

L’ULTIMA NOTTE DEL MONDO

L’ultima notte del mondo
con te
affacciati su una fiamma di candela
tenue zampillo di vita.
Le mani che nel buio
tardano a sciogliere l’intreccio.
Saremo l’ultima zavorra
aggrappati  al tutto che svanisce
e la nostra storia
una lunga pergamena
cullata per sempre
dal  grembo del firmamento.

Pubblicato in Poesie | Contrassegnato | 1 commento

RITORNI SEMPRE COME IL MATTINO

Ritorni sempre come il mattino
quando i luoghi bui del mio spirito
abbandonano l’abbraccio della notte.
E’ come rinascere camminando lesti
i sentieri  di un’alba.
E’ come se il profumo dei colori
fosse il tuo fiore che sboccia.
Mi sorridi quando ancora
il  tuo respiro è calmo
dolce attesa della mia veglia.
Afferro l’ultimo quarto di timida luna
e ci corriamo incontro.

 

Pubblicato in Poesie | Contrassegnato | 2 commenti

SPERANZA

Ti porti dietro

una speranza bambina

e rimani quel fagotto adorato

che sarà per la vita.

Gli occhi posati su un albero

dal  tronco scivoloso,

ricadi a terra

dopo mezza bracciata.

Tenti la scalata

a ciò che adesso è ingiustizia

e porte chiuse.

Vorrei regalarti

tutta la parte dei miei sogni riusciti,

tutta quella parte di vita,

che la tua possa dirsi completa.

Ma ti vedrò,

devo vederti,

uomo che stringe i denti,

ama e vive.

Pubblicato in Poesie | Contrassegnato | 5 commenti

BINARI

Sei come un treno

che si porta via un addio.

Solo, oltre i respingenti dei binari,

lancio un filo spezzato

a due lucciole rosse intermittenti.

Alle mie spalle

eleganti cestini

differenziano il mio vuoto.

Esco dalla stazione,

mentre un sibilo

ferisce già la nebbia di campagna.

Le tasche sorreggono

due braccia stanche.

Biglietterie chiuse.

Non chiedermi cosa farò.

Pubblicato in Poesie | Contrassegnato | 2 commenti

GRAFFITI

Cosa ci fanno sui muri

quei ti amo

affidati all’arredo urbano

da messaggeri di un tempo,

senza cavallo,

con gesso o bomboletta.

Confusi ormai

fra i mille Roma – Lazio,

Inter – Milan

e accerchiati da Dio ti vede.

Chissà se la mano avrà tremato

a questo ammonimento,

chissà se quel ti amo

era sincero

o se affidava la convinzione

alla forza del tratto.

Pubblicato in Poesie | Contrassegnato | 1 commento